Accesso ai servizi

INTITOLAZIONE DELLA SCUOLA COMUNALE DI MUSICA

Motivazioni


Intitolazione della Scuola Comunale di Musica

INTITOLAZIONE DELLA SCUOLA COMUNALE DI MUSICA A "SEBASTIANO MORATELLI"

(n. Noventa Vicentina nel 1640 – m. a Heidelberg nel 1706)

 

Venerdì 1 Maggio 2009, in occasione della serata di premiazione dei cittadini benemeriti, il Sindaco prof. Carlo Alberto Formaggio, ha esposto i contenuti della delibera comunale per l’intitolazione della scuola stessa al compositore seicentesco, nostro concittadino, Sebastiano Moratelli.


Motivazione dell’intitolazione:


“Per la prima volta troviamo citato Sebastiano Moratelli nel 1660 come musicista da camera alla corte dell’imperatore Leopoldo d’Asburgo. E’ nominato maestro di musica dell’imperatrice Eleonora Gonzaga e di sua figlia l’arciduchessa Maria Anna Josepha. In occasione del matrimonio dell’arciduchessa con l’Elettore del Palatino Johann Wilhelm von Pfalz-Neuburg, Moratelli si trasferì per ordine dell’imperatore alla corte di Dusseldorf di cui fece parte dal 1679 fino alla morte.


Nel 1691 Johann Wilhelm von Pfalz-Neuburg, Elettore Palatino, rimasto vedovo, sposa Anna Maria Luisa de’ Medici (1667-1743), figlia del granduca Cosimo III e di Margherita Louise d’Orléans, ultima della dinastia dei Medici.


Anna Maria Luisa per la predisposizione al mecenatismo, alla protezione e alla promozione degli artisti trasformò Dusseldorf. La corte del Palatinato divenne così ricca di occasioni di festa, di attività teatrali e soprattutto musicali.


Sebastiano Moratelli, Kappellmeister, scrisse per la corte del palatinato spartiti di musica drammatica, opere e operette, in gran parte perdute.


A partire dal 1696, per salute cagionevole, aveva delegato a rappresentarlo in pubblico i suoi colleghi musicisti.


Nel 1705 fu inviato dall’Elettore Johann Wilhelm ad Heidelberg perché si ristabilisse, ma a nulla valse perché qui nell’anno seguente morì.


“La faretra smarrita”, composta per Anna Maria Luisa de’ Medici è fino ad oggi l’unica partitura ritrovata nella biblioteca del conte di Baviera Toerring-Jeddenbach. Moratelli, notevolmente considerato, stimato e famoso durante la sua vita, è stato da pochi anni riscoperto, rivalutato e riproposto al pubblico dalle case musicali.”


 



Collegamenti:
bibliografia


Ignora collegamenti di navigazione